Crea sito

Estate 2017 – Facciamo un passo indietro

Quando il caldo vi affligge, quando le temperature salgono a infuocare gli ambienti, quando il solleone è insopportabile e siete alla ricerca dell’ombra come non ci fosse un domani, quando non sarebbe sufficiente la fonte dell’acqua Levissima per sconfiggere la vostra arsura, mettetevi comodi, al riparo, in un ambiente fresco in compagnia di… un buon libro!

Ho iniziato ieri con tre consigli di lettura, tre novità editoriali di Le Mezzelane Casa editrice. Potete leggerli qui.

Oggi vorrei fare un passo indietro (gigante) e tornare a un’anno fa, circa, quando Le Mezzelane era solo un progetto. Il 5 giugno abbiamo festeggiato il nostro primo compleanno e da allora di passi in avanti ne abbiamo fatti molti. Agli inizi lo Staff era composto da sole quattro persone e mai avremmo pensato di dover incrementare gli editor fino ad arrivare a sette. Ebbene sì! Oggi il nostro Staff è composto da ben dieci persone: Camilla Capomasi – Presidente e Titolare dell’azienda, Rita Angelelli – Direttore editoriale, Gaia Cicaloni – Grafico, Maria Grazia Beltrami – Capo editor, altre sei editor: Desiana Parlascino, Elisabetta Caramitti, Francesca Faccini, Lidia Borghi Sagone, Silvia Laporta, Elena Castorina.

Grazie a tutto lo staff per la piena collaborazione e per la professionalità con cui lavorate. Senza di voi questa realtà non potrebbe esistere.

14100493_841413472626933_113154359132699923_n

Ma dicevo… facciamo un passo indietro e diamo uno sguardo alle nostre prime pubblicazioni.

Abbiamo esordito con un Manuale di scrittura. Una guida ironica e irriverente che punta il dito sugli scrittori di romanzi erotici, pur essendo, però, un manuale di scrittura vero e proprio che potrebbe essere utile a ogni scrittore e per ogni genere letterario.

copertina-per-stampa-manuale-nuovo

Dalla sinossi:

L’idea di scrivere questa guida ci è venuta notando che tante persone vorrebbero intraprendere il mestiere di scrittore, forse pensando che oggi, in Italia, di scrittura si possa vivere. Il genere più gettonato da questi aspiranti ricchi e famosi grazie alla scrittura pare essere il rosa/erotico, forse perché ritenuto quello di più facile approccio e maggior ritorno economico.

Rita Angelelli, che ha lasciato il nom de plume che l’ha resa nota nel campo del romanzo erotico per diventare direttore editoriale de Le Mezzelane, e Maria Grazia Beltrami (mgb per amici e nemici) editor, hanno riversato in questo piccolo manuale la loro esperienza in materia, declinando in modo umoristico un testo prettamente tecnico, mediante esempi esilaranti, vignette e battute al fulmicotone.
Un libro indispensabile per chi si vuole dedicare alla narrazione erotica, ma anche per chi vuole scrivere (bene) e basta.

E’ stato divertente cimentarsi a dare consigli, suggerimenti, idee; abbiamo riportato alcuni brevi pezzi dai libri che ci sono piaciuti e aggiunto estratti, giocando un po’ con i libri che ci hanno fatto sorridere. E siccome non era abbastanza, mi sono presa gioco di me stessa e della co-autrice Maria Grazia Beltrami disegnando vignette. Insomma, un buon manuale (un po’ di autoreferenzialità non guasta mai) da consultare divertendosi.

Link all’acquisto ebook Goffaggini erotiche e involuzioni prosaiche

Link all’acquisto cartaceo Goffaggini erotiche e involuzioni prosaiche

Il secondo libro che abbiamo pubblicato è stata una sorta di prova prodotto. Mi spiego: eravamo agli inizi e dovevo testare formati, tipografia, copertine, impatto visivo, lo spessore della carta. Per non deludere i miei autori mi sono messa in gioco per la seconda volta e allora il primo testo che avevo pronto sotto le mani era una mia breve biografia. In realtà non è stato per niente un gioco, e mi sono resa conto di ciò che avevo realmente scritto solo quando ho avuto il libro nelle mani: nelle pagine il racconto di una notte, di un viaggio, alla rincorsa dei ricordi e di un dolore che ancora oggi è ben piantato nella mia anima. E’ stato un percorso a ritroso che ho ricostruito sotto forma di un’intervista radiofonica; una voce mi ha guidato nelle risposte e a mettermi a nudo; una voce che in realtà non è mai esistita, ma che era nascosta nel mio inconscio, forse.

web-copertina

Da una recensione:

Carico di rabbia, carico di dolore, carico di verità. Il lungo grido di una donna violata dall’arroganza di chi ha dimenticato che la professione di medico è una missione, e così ha trasformato un corpo sofferente sottoposto alle sue cure in un manifesto della propria incapacità umana. Perché chiunque può sbagliare, un medico così come tutti gli altri, ma non deve mai mancare l’umiltà di riconoscere questi sbagli e cercare in qualche modo di ripagarne le conseguenze, altrimenti un qualsiasi medico si trasforma in un nuovo Mengele, e il suo fine non è più curare ma torturare, dimenticando che dentro la carne c’è un’anima. Letto in un soffio, con l’ansia di scoprire tutta la forza di questa donna che scrive per dare voce al proprio dolore e per far sì che il suo diritto a una vita senza sofferenze, fisiche e morali, non venga dimenticato, e che chi ha sbagliato paghi.

Link all’acquisto ebook Salve amici della notte, sono Porzia Romano

Link all’acquisto cartaceo Salve amici della notte, sono Porzia Romano

Con in mano i due testi avevo capito che eravamo sulla buona strada per offrire un buon prodotto cartaceo ai nostri lettori, sul prodotto digitale non avevamo dubbi, e allora abbiamo proseguito con un Autore con la A maiuscola: Anton Francesco Milicia. Anton ci ha “regalato”, a mio parere, uno dei suoi romanzi più belli: Hic sunt leones. Una storia ambientata nella Locride, in un paese che nella realtà non esiste, ma che potrebbe essere uno qualsiasi di quei paesini inerpicati su per quelle terre: Contrada. Il protagonista è Marco, gemello di Anna scomparsa una mattina d’aprile. Il libro inizia proprio da quel punto e di colpo ci trasporta a quindici anni dopo.

web-copertina-hic-sunt-leones (1)

Dalla prefazione di Gioacchino Criaco:

Provate a viverci con un cuore a metà. Strappate i petali a un fiore e vedete cosa vi resta in mano. Togliete a una chitarra le corde o a un’alba il sole. Oppure a un gemello nascondete l’altro: la vita s’inerpicherà su per un’infinita scala a chiocciola, che solo una forza enorme riuscirà a salire fino all’ultimo gradino. Marco ce l’ha questa forza, ritrovare Anna, la sua gemella, diventa la sua missione.

Un romanzo a tratti commovente. E poi sotterfugi, una soluzione (apparente) raccontata per non affrontare una paura più profonda, un romanzo ricco di descrizioni che trasportano direttamente nei luoghi che Anton ci racconta,una narrazione ricca di colpi di scena, di orrori. Una storia colma di dolore. Quel dolore sordo che difficilmente si riesce ad acquietare.

Link all’acquisto ebook Hic sunt leones

Link all’acquisto cartaceo Hic sunt leones

Ringrazio Gaia Cicaloni Designer per le copertine e Maria Grazia Beltrami per gli editing. Due professioniste a Berlino!

Alla prossima puntata,

Xo Xo Rita Angelelli