Crea sito

Mario Grasso

Mario Grasso, laureato in Scienze Sociali, ha un passato da manager aziendale e saggista e un presente da scrittore di narrativa, giornalista pubblicista.
Come saggista, ha pubblicato una quindicina di testi di cultura manageriale e ha diretto la collana Skill per la Franco Angeli.
Come giornalista pubblicista, ha collaborato con alcuni quotidiani, fra cui L’Unità e Il Mattino, e periodici. Ha diretto il mensile Web Economy e un settimanale on line.
Ha inoltre vinto il XXVIII Premio letterario La Mole nella sezione giornalistica e numerosi premi per la sua attività di autore di narrativa.
Ha pubblicato i romanzi La casa con le imposte socchiuse, I vastasi della socia, Latte di cammella, Spirito e carne, La lucertola a due code, Il baule, Keffaya, L’albero della discordia e L’idea fissa.

La comunità oscura

Bari. Il sole sta sorgendo e tra poche ore inizierà la festa di San Nicola, quando una donna viene trovata massacrata in un cimitero; accanto una lapide rotta e un crocifisso spezzato. Il commissario Angiulli, incaricato di occuparsi del caso, nota anche il mozzicone di una candela nera e un volantino di San Nicola. Sul volantino è stata scritta una frase: "Saggio è nutrire l’anima, per non allevarvi draghi e diavoli in seno". Il frutto di una mente malata, una pura casualità oppure è avvenuto un rito satanico, e la donna ne era il sacrificio? Le domande di Angiulli non trovano risposta e per seguire tutte le piste possibili, la polizia decide di coinvolgere nelle indagini la brillante antropologa Letizia Fanelli, da sempre un prezioso aiuto per la polizia in merito al tema sette. A distanza di soli tre giorni un altro omicidio: stesso copione e lo stesso volantino di San Nicola, ma con un altro messaggio: "Calma la mente, e l’anima parlerà." Vanni Ossarg, giornalista investigativo conosciuto per il suo talento, viene a sua volta coinvolto nelle indagini. Qualche giorno dopo, il cadavere di una bambina di soli 13 anni viene trovato sul lungomare. Questa volta sul volantino di San Nicola c'è scritto: "Salute e vigore valgono più di tutto l’oro". Sarà proprio l’intuito di Vanni a svelare la chiave dei messaggi, lasciati come indizi dall’assassino.