Crea sito

Ludovica Ricceri & Beatrice Schivo

Ludovica Ricceri

Ludovica Ricceri è nata a Siracusa nel 1995. La sua sensibilità per l'arte, la musica e la letteratura si sviluppa durante i primi anni del liceo, periodo in cui inizia a scrivere i primi diari divenuti successivamente poesie.
Nel 2014 si trasferisce a Napoli per frequentare la facoltà di lingue de "L'Orientale" dove ha modo di avvicinarsi maggiormente alla letteratura straniera.
Le autrici da cui trae maggiore ispirazione sono Wislawa Szymborska e Jeanette Winterson.
Si avvicina al giornalismo attraverso la collaborazione con blog e giornali online come Una casa sull'albero, XXI Secolo e Mar dei Sargassi.
L'incontro con l'illustratrice Beatrice Schivo segna l'inizio del progetto D'isolate da cui nasce la raccolta di poesie illustrate "Ricordami che non si dorme", primo passo verso il mondo dell'editoria.

Beatrice Schivo

Beatrice Schivo, classe 1993, è una fotografa e illustratrice sarda. Nasce a Cagliari e con la sua città e il contesto isolano vive un costante "odi et amo", che, col tempo, lascia spazio a un amore incondizionato: per questo ha scelto di portare avanti gli studi universitari nella città e specializzarsi in storia della Sardegna.
Nella sua terra sviluppa anche l'attività artistica, iniziata nel 2012 con la fotografia e arricchita solo recentemente dall'illustrazione (sotto lo pseudonimo Unnomeconduee), con progetti personali e collaborazioni: fa parte dell'associazione culturale Le Officine per la quale sviluppa progetti di fotografia e illustrazione e collabora con Unica Radio, web radio dell'Università di Cagliari, come co-conduttrice della trasmissione “L'Indiespensabile”, format sulla musica cantautorale italiana contemporanea.

Ricordami che non si dorme

Questa è un’opera a quattro mani. Ho sempre riempito pagine e pagine di parole che, improvvisamente, hanno preso forma e sono diventate delle piccole poesie. Si potrebbe parlare, in realtà, di narrazione in versi. Quella che ho scelto di raccontare è una storia che ne contiene altre. Si narrano tre storie d’amore, vissute tutte dallo stesso soggetto: quella con un’altra persona, quella con la propria terra e, infine, quella che ognuno vive con se stesso. Frase per banner: Tre storie d'amore: quella con un’altra persona, quella con la propria terra e quella che ognuno vive con se stesso.